×
Informazioni Legali

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di 'cookie'. Queste informazioni, che potrebbero riguardare te, le tue preferenze o il tuo dispositivo internet (computer, tablet o dispositivo mobile), sono principalmente utilizzate per far funzionare il sito come ti aspetti. Puoi trovare ulteriori informazioni su come utilizziamo i cookie su questo sito e impedire l'impostazione di cookie non essenziali, facendo clic sulle varie categorie di seguito. Tuttavia, se lo fai, potrebbe influire sulla tua esperienza del sito e sui servizi che siamo in grado di offrire.

SEMPLICEMENTE PIU' DOLCE !!!!

Pubblicato da: Simone Alonzi In: METERSTORE NEWS Sopra: Commento: 0 favorite Colpire: 696

Un velo bianco sul lavello in cucina,aeratori dei miscelatori completamenti occlusi e elettrodomestici spesso non funzionanti e in manutenzione?

Sono tutti segnali inequivocabili e frequenti che hanno una sola soluzione..........l'installazione di un addolcitore !!!

Come funziona un addolcitore a scambio ionico?

Se non si ha la fortuna di avere una acqua con durezza massima di circa 15°F tutti questi segnali diventaranno, con il tempo, sempre più un problema per il nostro impianto di riscaldamento,per il circuito sanitario,per i consumi energetici ed infine, non in ordine di importanza, per la nostra salute.

Come funziona un addolcitore a scambio ionico?

Grazie alle resine cationiche che fungono da materiale di scambio e hanno carica negativa, è possibile trattenere gli ioni di calcio e magnesio contenuti nell'acqua che hanno carica opposta. Mentre l'acqua scorre sopra e attraverso la resina contenuta nell'addolcitore gli ioni vengono condotti verso le resine e contemporaneamente vengono rilasciati ioni di sodio con carica più debole.

Una volta esaurita la capacità di scambio, le resine scambiatrici vengono rigenerate utilizzando del cloruro di sodio (sale).

L'acqua,per uso civile non può essere utilizzata a durezza zero,in quanto dannosa, perciò attraverso una valvola miscelatrice, viene miscelata con l'acqua di rete non addolcita sino ad ottenere un valore ottimale (solitamente 10/12 gradi francesi).

Grazie all'elettronica, le fasi di lavoro e di rigenerazione delle resine avvengo in modo completamente automatico lasciando all'utilizzatore finale il solo compito di introdurre il "sale" nel tino contenitore,operazione che in media va effettuata mensilmente e che richiede davvero poco tempo.

Inutile dire che non tutti i prodotti sono uguali,il il discorso ha una valenza maggiore quando si tratta di un apparecchiatura,semplice nell'utilizzo ma sofisticata, destinata a migliorare la qualità della nostra vita domestica,è per questo motivo che da sempre ci affidiamo ai migliori partner del panorama del trattamento acque Gel e Acqua Brevetti.

Aziende italiane leader, radicate profondamente su tutto il territorio nazionale,grande lavoro di ricerca e sviluppo(civile e industriale) e sui Centri di  Assistenza Tecnica,che effettueranno gratuitamente il primo collaudo,la garanzia, e forniranno tutte le informazioni necessarie.

Quindi cosa aspetti?

Il dolce....... mmmmm cioè l'addolcitore è servito!!!

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi martedì mercoledì giovedi Venerdì Sabato gennaio febbraio marzo aprile Può giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre